giovedì 30 giugno 2016

41^ PISTOIA ABETONE "LA CORSA"



Giunta alla 41^ edizione, questa inossidabile classica non risente minimamente del tempo trascorso.
Anche quest'anno infatti si contano oltre 700 arrivati alla 50 km, suddivisi tra 117 donne e 634 uomini; poco più di 250 a S. Marcello per la 30 km.

Altimetria Pistoia Abetone
Il percorso è bellissimo! si parte da Piazza della Cattedrale a Pistoia, i primi 4 - 5 Km tranquilli permettono agli atleti di scaldare bene le gambe in attesa della prima parte dell'esame: la salita de Le Piastre! 9 km di interminabile dislivello positivo che portano al primo traguardo dei 14 Km. Personalmente la parte più bella della gara!
Si scende di qualche Km, per poi risalire in un tratto piuttosto ripido seppur corto che porta a metà percorso, precedendo la discesa centrale dove è presente il traguardo intermedio di San Marcello (Km 30). Recupero un po' di terreno in questo tratto, sono con i primi 25 ma sta per iniziare quello che per me si rivelerà un enorme calvario.... il traffico veicolare!!! Le auto al seguito dei podisti sono state un vero incubo!
Tornando alla cronaca corsaiola, la discesa, oltrepassando S. Marcello (623 m s.l.m.), finisce dopo 3 Km in località La Lima a 455 m s.l.m.; da qui in poi il calvario... 17 km di salita interminabile... la vera prova dove si sale fino a 1388 m s.l.m.
Sconfortato e demotivato dalle condizioni di corsa molto discutibili causa traffico, al 39° perdo ogni motivazione per continuare.. dopo l'ennesimo rischio di essere investito!
Un ragazzo dell'organizzazione vedendomi sconfortato, si rivolge a me dicendomi "tieni duro sei nei primi 70!" Non so cosa sia scattato in me ma ho ripreso a correre, ho guardato il Garmin e mi sono detto.."devo tagliare l'intermedio alla Maratona sotto le 4 ore!" così è stato! ho riguardagnato un po' di motivazione e stringendo i denti ho superato 5 persone chiudendo in 5:02:37 in classifica generale 82° e 44° di categoria.

Andrea Roveri, anche lui portacolori dell'Atletica Corriferrara presente al via della 50 km chiude in 5:10:25, 109° in classifica generale, e 66° di categoria.

classifica completa su : http://www.pistoia-abetone.net/it/2012-10-12-06-53-33/news/item/45-classifiche-provv-2016.html

Paolo Frozzi


Pistoia Abetone 50 Km 2084 m D+ 1° 3:35:35 4:19 min/Km
Frozzi Paolo
5:02:37 6:03 min/Km
50 + 20 + 18
Roveri Andrea
5:10:25 6:13 min/Km
50 + 20 + 17



















mercoledì 29 giugno 2016

QUATTRO PASSI PER MONTAGNANA CON LA SIMO & LA ROS E LA FAMIGLIA CANELLA




Ottima organizzazione e percorso suggestivo domenica per i "Quattro passi per Montagnana" marcia ludico motoria sotto i merli del "borgo più bello del Veneto".
La Quattro Passi par Montagnana, è una marcia che si sviluppa su diverse distanze, adatta alle famiglie, ai camminatori della domenica e a chi osa un po di più. Lungo i quattro percorsi si toccheranno punti di interesse storico-artistico e ambienti naturalistici molto suggestivi come il Parco del Fiumicello e l'argine del fiume Frassine. Il tutto arricchito da accoglienti punti di ristoro.
Al via per la Corriferrara le nostre Simona Frisina e Rosanna Albertin che optano per il percorso lungo di 21 km, un buon allenamento in vista della 26 km di Fiera di Primiero in programma domenica per Simona e Davide Canella, Camilla Tataranni e la piccola Sofia che in modalità "passeggiata in famiglia" hanno percorso 16 km!
Ecco il racconto della giornata di Camilla:
Oggi una giornata davvero magnifica a Montagnana. Gara non competitiva ma organizzazione davvero ottima e anche i percorsi sono molto belli anche se forse un po' impegnativi per un runners abituato all'asfalto, ottimo allenamento muscolare. Noi ci siamo sintonizzati sul canale passeggiata in famiglia relax in compagnia e così è stato. Ottima occasione per spianare il nuovo zaino porta Sofia e considerato la novità, considerando che ci siamo spesso dovuti fermare a regolarlo, che l'abbiamo rifocillata varie volte (poverina la ragazza deperisce altrimenti  ) e che giustamente dopo 2 ore 30 min ha voluto sgranchirsi alla fine ci portiamo a casa i nostri 16 km in 3 ore e 24 min niente male per cominciare. Lungo il percorso a un ristoro incontriamo anche Simo e Rossana che stavano facendosi la 21 km. rallentandole un po' abbiamo rubato 2 chiacchiere per poi lasciarle andare al loro divertimento. Paesaggi piacevoli, aria pulita, tanti rumori e suoni completamente nuovi per Sofia che cercava di imitarli e pur sballonzolando se la godeva alla grande per poi crollare in un sonno catatonico l'ultima ora del tragitto. Interessante anche la storia della cittadina che a mio parere merita alla grande una visita, non per niente è stata eletta miglior borgo del Veneto. Alla fine della gara ci siamo fermati a chiacchierare con un organizzatore che ci ha delucidato sulla nascita e l'evolversi di questa gara ma soprattutto ci ha dato un eccellente consiglio dove mangiare bene a un prezzo più che onesto.Ci siamo così recati al Ristorante Pizzeria Il Palio che vi consiglio vivamente, ottima birra, ottima pizza, ottimo prosciutto locale e cosa che non guasta all'uscita ci si può fermare sull'erba nel sottomura a godersi un po' di arietta e a farsi una ronfatina. Inutile dire che Sofia a tavola non si è fatta pregare pizza-prosciutto e frutta. Bhè posso dirlo: Siamo davvero genitori fortunati e l'unica cosa che mi auguro è di riuscire a trasmettere a questa splendida creatura ciò che di buono la vita ci ha insegnato.
Ecco alcune foto.






ALBERTIN ROSANNA 21PT
FRISINA SIMONA 21PT
TATARANNI CAMILLA 16PT
CANELLA DAVIDE 16PT

GIRO DELLA PIETRA DI BISMANTOVA: UN BUON COLLINARE PER I 5 CORRIFERRARA



Visti i caldi della Bassa padana nei giorni precedenti a domenica 26 abbiamo cercato una gara che ci permettesse un po’ di respiro ed Elisa Benini ci ha indirizzato verso la provincia di Reggio Emilia per  il Giro della Pietra di Bismantova.
Alle pendici  di questo “fungo” di roccia che spunta quasi dal nulla, in maniera decisamente fantasiosa (ma chi ce l’ha messo li ???)  e scenografica sul appennino reggiano si svolge un circuito di 17 km. con un D+ di 300 mt. con arrivo e partenza dal campo sportivo di Castelnovo de Monti che si snoda con svariati saliscendi tutt’attorno alla Pietra.
Ci ritroviamo quindi con Elisa, Lorenzo e Ugo alle 6.30 in via Bologna e imbocchiamo l’autostrada in direzione Reggio Emilia, nonostante l’ora l’afa si fa già sentire e in macchina la nostra speranza è tutta rivolta al fatto che correndo in alta collina la temperatura dovrebbe essere più “civile” ; in un paio d’ore scarse arriviamo nei pressi del punto di partenza, parcheggiamo e andiamo a ritirare i nostri pettorali (avevamo già fatto l’iscrizione tramite mail): la temperatura è migliore, forse non quanto speravamo e il cielo è di un bell’azzurro limpido (difficile vederlo così a Ferrara); un po’ di riscaldamento ed è già ora di partire (ore  9,00) sparo e …via, un chilometro e mezzo abbondante di salita continua non pesantissima ma per me, che al massimo salgo sull’argine del Po per  i miei allenamenti, decisamente inusuale: cerco di trovare un passo che mi permetta di salire con costanza senza strappare e massacrarmi e tutto sommato mi adatto abbastanza bene, Ugo dopo i primi 600/700 metri con me prende il suo ritmo e … lo vedo sparire progressivamente, mentre Lorenzo ed Elisa decidono di fare gara in coppia e si mettono su di un ritmo un po’ più tranquillo; dopo la prima salita lunga il precorso prosegue con un tratto di circa 7/8 chilometri di saliscendi tranquilli e senza strappi, con l’unico inconveniente che andiamo progressivamente incontro al sole non avendo più il riparo della montagna, il caldo si fa sentire ed i ristori sono una manna; dal ristoro del 9° chilometro inizia un altro tratto in salita, lungo e progressivo, con un po’ di curve dietro le quali speri sempre di trovare il piano (o magari la discesa) ed invece nulla ! Continuo però sempre a correre con il mio passo e supero un sacco di gente che approfittando delle discese aveva mi aveva passato “di slancio”. Attorno al 14° chilometro una chicca dell’organizzazione: un addetto con una pompa in mezzo alla strada che propone una doccia personalizzata e rifrescante agli atleti di passaggio… non ne ho visto uno che rifiutasse !
Ci siamo il campo sportivo è in vista dall’alto del paese … ormai basta solo scendere verso il traguardo: col cavolo: c’è un ultimo passaggio in salita, 50 metri da fare con le scale e non con un piano inclinato ! Piano piano ma corro anche quelli e poi inizia la vera discesa verso la pista di atletica del campo sportivo ed il traguardo, Ugo è già arrivato e all’ingresso in pista mi incoraggia:  ne ho ancora un po’ e sul mezzo giro di pista supero ancora qualcuno e… FINE !
Questa volta sono contento di me stesso: praticamente non avevo mai fatto gare con dislivello, l’ho corsa tutta senza mai camminare, anche nei tratti più duri (almeno per me), e sono arrivato alla fine riuscendo a gestirmi bene.

Arrivano anche Elisa e Lorenzo e con Ugo ci scambiamo le impressioni di gara: abbiamo fatto proprio bene a venire fin quassù, bella gara, ben organizzata e che ha soddisfatto le aspettative di noi tutti. Una bella doccia, un po’ di birra fresca e si risale in macchina per tornare a casa… dove ci aspetta il nostro bel cielo bianco grigiastro carico di umidità ! E per tornare pienamente a casa fra la bassa e il delta, a pranzo, per ritemprarsi, spaghettone alle vongole ! Perché si, la montagna è bella,  il cielo è azzurro e l’aria è tersa ma lo spaghetto alla vongole NON HA RIVALI !
Per la Corriferrara era al via anche Luca Saccardi, nostro atleta residente a Parma che ha chiuso la sua prestazione fra Ugo e Puntu in 1.28'28".
La gara è stata vinta in campo maschile da Tommaso Manfredini, con il tempo di 58’43’’ alla media di 3’27’’ al km. ed in campo femminile da Isabella Morlini, con il tempo di 1h04’58’’ alla media di 3’49’’ al km.

Ugo Negri, posizione 141, tempo 1h19’51’’, media 4’42’’ al km., distacco al km. dal primo 1’15’’, punti 17 + 3 + 14.

Luca Saccardi, posizione 247, tempo 1.28'28", media 5'12" al km distacco dal primo 1'45" punti 17+3+11

Filippo Punturieri, posizione 270, tempo 1h31’39’’, media 5’23’’ al km., distacco al km. dal primo 1’56’’, punti 17 + 3 + 10

Elisa Benini, posizione 325 (53 della classifica femminile), tempo 1h38’29’’, media 5’48’’ al km., distacco al km. dalla prima 1’59’’, punti 17 + 3 + 10

Lorenzo Bocchi, posizione 326, tempo, 1h38’29’’, media 5’48’’ al km., distacco al km. dal primo 2’21’’, punti 17 + 3 + 7






MARATONINA DELLA LUMACA: A VALMONTONE CON PAOLONE MATTEUCCI



In una bella giornata soleggiata di fine giugno trovandomi in provincia di Roma cerco una corsa podistica e grazie ad alcuni amici podisti della zona trovo la Maratonina della Lumaca a Valmontone, quale corsa più adatta a me!

Subito arrivati in zona trovato posto in uno dei parcheggi sulla collina da cui si partirà e dirigendomi al ritiro pettorale subito sento esclamare : Corriferrara, come è possibile? Incontro un atleta che ha corso anche per i nostri colori, Giuseppe Purificato che di passaggio in zona decide di correre anche lui (alla fine quinto di categoria).
Ma bando alle chiacchiere ecco la cronaca: circa 500 atleti per la corsa agonistica FIDAL si son dati sfida partendo da in cima al colle opposto al paese Valmontone.Allo sparo della pistola una volta partiti anche io in coda mi son dato un gran da fare per recuperare un po di posti facendo i primi tre km attorno ai 5min/km tutti in discesa dal colle san Giovanni per giungere su un tratto piano e impostare il mio solito passo. Giunti in paese, ahimè incominciano le salite e dopo una breve camminatina giungo al quarto km per il punto ristoro con acqua, senza fermarmi proseguo tra corsetta e camminata fino al settimo dove c'è un altro punto ristoro. Nei tratti in discesa recupero un po e supero qualche atleta, usciti dal paese passando per qualche strada con il porfido si ritorna di nuovo sul colle di partenza, per fortuna la strada è ombreggiata perchè i 29 gradi sotto il sole nel paese hanno sfiancato molti podisti.
Ultimi km corricchiati e superato un atleta del mio peso a occhio, ultimi 500 metri in leggera salita e fatto i 9,5km in circa 1h03min. Arrivato in 420 posizione, direi soddisfatto visto il dislivello complessivo di +123m e la cena fatta la sera prima!
Complimenti ai Podisti Valmontonesi che hanno organizzato egregiamente questa gara, i km segnati
veramente precisi ,e premiando i primi di categoria e le società . hanno anche fatto una estrazione con i numeri dei pettorali distribuendo salami prosciutto e vino.
Come pacco gara un piatto della sagra e uno scaldacollo. Ottima gara e bel percorso impegnativo, bravi!
                                                                                                                  Paolo Matteucci

MATTEUCCI PAOLO 9+1 PT

PRETTY RUN: A ROVIGO IN ROSA PER DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE



Sabato sera si è tenuta a Rovigo la PRETTY RUN, la "Grande corsa rosa" per dire NO alla violenza sulle donne, il ricavato infatti sarà devoluto per aiutare le donne in difficoltà attraverso lo sportello Pronto Qui Donna.






Al via per noi c'era Caterina Franceschini, ecco il suo racconto:

Arrivo per tempo in piazza Vittorio Emanuele per la consegna della maglietta e pettorale: subito una bella atmosfera con musica e tanta gente vestita di rosa per una buona causa (contro la violenza sulle donne). Incontro le amiche runner Paola Caterina e Angela e scattano subito le foto di rito. Con un po' di ritardo parte la gara 5 o 10 km. ed il fiume rosa si snoda per le vie di Rovigo.....,io opto per i 5 km. Il caldo si fa sentire anche per la maglietta cappottino....ma mi sento bene....Il percorso tutto cittadino si conclude in piazza Vittorio Emanuele e.....incredibile ma vero arrivo fra i primi dei 5 km (forse quarta!!!!!) in 26 minuti!!! Sono molto soddisfatta!!
                                                                                                                      Caterina Franceschini


FRANCESCHINI CATERINA 5PT

martedì 28 giugno 2016

SicurRunRavenna: Morris Fogli unico Corriferrara

Calda gara quella svoltasi a Ravenna domenica 26 giugno, nonostante l'ora di partenza (7:30 ) a cui mi sono recato come unico rappresentante Corriferrara.
3 erano i motivi principali per il quale ho scelto la location dantesca: il panorama podistico non proponeva nelle immediate vicinanze gare interessanti, se non questa non competitiva o quella delle Vallette di Ostellato, quindi ho valutato i pro e i contro....
  • A Ravenna iniziava alle 7:30 mentre a Ostellato alle 9:00, quindi più fresco.....
  • a Ravenna previsti 13 km a Ostellato 7,350 quindi più lunga.....
  • Il ritorno da Ostellato avrebbe richiesto una coda tra i turisti giornalieri verso il mare, per cui deciso!!! Ravenna fu !!!! 
Denominata "SicurRunRavenna" la camminata si svolgeva per festeggiare la giornata delle istituzioni cittadine, infatti il percorso altro non era che il passaggio per tutte le caserme istituzionali cittadine: da quella dei Carabinieri a quella della Polizia, Vigili del fuoco, Finanza, Vigili urbani e Capitaneria di porto, il tutto per un totale di circa 13 km.....
Ma dopo i primi 7/8 km "freschi" i successivi sono stati un delirio....forse Ostellato in mezzo al verde sarebbe stato più fresco che l'asfalto romagnolo, ma mi sono "consolato" con un congruo pacco gara alimentare ed anche un piacevole premio a sorteggio....alla prossima.
Morris Fogli


    

RAVENNA km 13 non comp
 FOGLI MORRIS
13



P.C.

OSTELLATO: UNA CAMMINATA TRA LE VALLI


Nella bellissima oasi naturalistica delle Vallette di Ostellato, domenica 26 giugno, ha avuto luogo l’ormai tradizionale Camminata tra le Valli, manifestazione non competitiva organizzata dal gruppo podistico Bompani Group, Uisp Ferrara ed il Comune di Ostellato.
Su un percorso, interamente “Off Road”, di 7,5 km, la gara prendeva il via alle ore 9.10 dall’arco gonfiabile posto sul retro del ristorante e sulla linea di partenza, i nostri colori erano rappresentati  dal sottoscritto, da Barbara Talmelli, Stefania Gaiba e la punta di diamante di giornata, il nostro Massimiliano Zecchini.
La prima parte di gara era posta sull’argine di uno dei bacini naturali dell’oasi per poi, dopo circa 600 mt, scendere e correre per altri 4/500 mt dentro un piccolo bosco, ma era all’uscita di questo che iniziava la parte più dura, l’erba da poco tagliata era stata lasciata sul sentiero teatro della manifestazione.
 
A metà percorso ecco il punto ristoro, quanto mai necessario vista l’alta temperatura presente, e da qui il sentiero entrava nella “Sherwood” delle Vallette, e così finalmente la corsa procedeva al riparo da un po’ di ombra.
All’uscita si riprendeva a correre sull’argine della valle e, nell’ultimo km e mezzo, a ripercorrere il percorso iniziale.
 
La competizione terminava con il primo posto tra gli uomini di Riccardo Rubini e di Nadiya Chubak tra le donne, mentre per la nostra squadra, Max Zecchini, dopo essere letteralmente volato nei primi km, arrivava a ridosso dei primi, mentre il terzetto Gaiba Polesinanti Talmelli, se la prendeva comoda per arrivare al traguardo dopo circa 46'.
 
Al termine per tutti, la scelta tra una bottiglia di vino rosso o bianco, oppure 1,5 lt di Pepsi.

                                                                                          Alessandro Polesinanti









Gaiba Stefania 7 pt
Talmelli Barbara 7 pt
Polesinanti Alessandro 7 pt
Zecchini Massimiliano 7 pt

lunedì 27 giugno 2016

40ª Camminata di Monteveglio: presente Masetti

Domenica mattina, dopo le fatiche alla Panoramica di Monchio del giorno precedente, ho preso parte alla "40esima Camminata di Monteveglio".
Devo dire che è stata una vera sorpresa per me, infatti non mi aspettavo affatto un percorso cosi duro (14 km e D+ 480), ma cosi bello.
Pronti via ed è subito salita, fino a raggiungere dopo 2 km la Rocca, e nella corte c'è il primo ristoro.
Si scende abbastanza vorticosamente per altri 2 km e si risale, insomma così fino al settimo km con sali scendi sempre impegnativi.
Dall' 8 km si scende e fino al 10° e da lì altra salita ammazza gambe per poi scendere finalmente fino al traguardo.
Lo spettacolo intorno a noi era veramente bellissimo e ricordava i calanchi della Badessa di Ozzano con tratti in single track e salite sterrate. Una gara assolutamente consigliata a chi vuole dedicare un'oretta e mezza ad un allenamento collinare, misto sterrato come dicevo prima, che da soddisfazioni.

Andrea Masetti

La Panoramica di Monchio: Masetti soddisfatto


Ebbene si "la Panoramica di Monchio" è un Trail, o comunque, per i puristi del genere è una gara con un'altimetria, D+300 m o cosi dice il volantino, e un percorso tutt'altro che facile, sopratutto per chi, come me, non ha letto il volantino prima di iscriversi.
Ore 17:30 di sabato 25 lo start da Monchio di Palagano, piccolo borgo modenese.
I primi 2 km si presentano veloci e poi iniziano gli strappi fino alla fine e senza sosta alcuna, infatti dal secondo al sesto chilometro si sale fino a raggiungere l'apice massimo nelle adiacenze di Santa Giulia per poi scendere, dopo numerosi "mangia e bevi", di nuovo fino a Monchio dove l'arrivo si presenta in salita.
Gara piuttosto impegnativa sopratutto per il gran caldo, lo dimostrano i 4 ristori per una 10 km, ma è stato molto bello attraversare la via Panoramica appunto.
Pacco Gara con maglietta tecnica della gara e ristoro finale.
In classifica il primo, Matteo Pigoni della Casinalbo, chiude in 40'03", io nel mio piccolo chiudo con soddisfazione in 59esima posizione in 1h01'03".
Quella di oggi rappresentava la prima gara del calendario "del giro del Frignano" con altre gare che si svilupperanno in luglio e agosto in queste colline.
Andrea Masetti


   

MONCHIO km 10 D+300
59°
 MASETTI ANDREA
1h01'03" 6'06"/km +2'06"/km
 10+3+8
 1° calss. Pigoni Matteo
40'03" 4'00"/km





P.C.