giovedì 25 maggio 2017

URBAN TRAIL DI MAGGIO: A BRESSEO DI TEOLO CON BOARATI E BALBONI


A Bresseo di Teolo domenica 21 maggio si è corso l'URBAN TRAIL DI MAGGIO, gara di corsa in montagna off road sulla distanza di 22 km con 800 mt di dislivello positivo.
Il percorso di questo trail, giunto alla 4^ edizione, è prevalentemente in ambiente naturale, attraverso i colli di Monterosso, Monteortone, Sengiari e Lonzina.
Davvero buona la partecipazione con ben 424 arrivati, la vittoria è andata all'atleta del GP Monselicensi Klajdi Jaupaj in 1.50'36" mentre fra le donne successo per Michela Dalla Muta, portacolori dello Sky Explorer con il tempo di 2.13'39".
Per l'Atletica Corriferrara presenti 2 atleti, Mario Boarati che chiude al 155° posto in 2.45'14" e Roberto Balboni, 196° in 2.51'19".
Bravissimi ragazzi!
URBAN TRAIL DI MAGGIO 22KM 800D+ (1° 5'02")
155° BOARATI MARIO  2.45'14"  7'31"  +2'29"       22+8+8
196° BALBONI ROBERTO  2.51'19"  7'47"  +2'45"  22+8+6

DUE CHIACCHIERE CON LA NUTRIZIONISTA: AI RISTORI, COSA SI E COSA NO?




Ai ristori: cosa sì e cosa no?
Dott.ssa Cecilia Pozzati -NutraSystem Ferrara-
Qualcuno mi ha chiesto se tutto quello che si trova ai ristori va bene per il nostro organismo o no. Premettendo che ogni ristoro è a sé stante, bisogna assolutamente dire che, in linea generale, siete tutti diversi (quello che va bene per un atleta non va bene per un altro…) e che ad ogni evento l’organismo può essere in condizioni differenti. Detto quindi che è necessario personalizzare la risposta, provo a darvi delle linee guida generali.



Il ristoro tipico è di certo composto da acqua, the, sali, frutta, biscotti, fette con marmellata/cioccolato, ma anche torte e uova sode. Specifichiamo per due tipi di ristoro: quelli sul percorso e quello finale.
RISTORI LUNGO IL PERCORSO
Se la gara è fino ai 10-15K, ragazzi, posso permettermi di dire che, se non fate una distanza tale per la prima volta o se non siete particolarmente debilitati/disidratati (influenza, alcool in eccesso la sera prima), vi serve SOLO acqua.
Se l’evento inizia ad essere una mezza maratona, ecco alcuni consigli:
  • ACQUA SI deve essere la vostra migliore amica prima, durante e dopo lo sforzo
  • THE NI a volte è riempito di solo zucchero (saccarosio). A voi servono zuccheri differenti (con velocità di assorbimento diverse) per avere maggiore resistenza. Lo zucchero da solo non è uno dei migliori. Quindi scegliamolo se non c’è alternativa, ma molto meglio acqua e frutta. L’ideale per la resistenza sarebbe l’assunzione combinata di fruttosio e maltodestrine, quelli che trovate nel gel; nei gel che copriamo, però, spesso ci sono altre sostanze che aumentano molto la motilità intestinale creando problemi di stomaco. Potete farli a casa con del semplice succo/centrifugato/spremuta di frutta + maltodestrine + agar agar o gelatina.




  • SALI NI solo perché non sapete cosa vi stanno propinando! Se avete mangiato e bevuto adeguatamente prima della gara, per il reintegro dei sali minerali l’acqua è ottima. Inoltre durante il percorso la preoccupazione è di arrivare in forze al termine e quello sono i diversi zuccheri a darvelo. Come sappiamo che quei “sali” sono adatti per questa fase? Di certo non ci fermiamo a chiedere se sia una bevanda isotonica o ipertonica. Spesso in commercio le vendono definendole “energetiche”, ma la differenza per arrivare al termine di una mezza, maratona o ultra è fondamentale. Le isotoniche danno idratazione ed energia istantanea (ma non a lungo termine), le ipertoniche invece danno energia a lungo termine, ma attirano molta acqua all’intestino, in ALCUNI CASI portando effetti lassativi. Anche qui la risposta è personale, ma un’indicazione generale può essere: non beveteli se non lo avete mai fatto! MAI fare prove in gara: fareste una prova con le scarpe appena uscite dal negozio? Attuate la stessa tecnica per quel che mangiate/bevete.





  • FRUTTA SI ottima fonte di fruttosio e di Sali e vitamine, insieme all’acqua va benissimo! Se non volete ingerire qualcosa ogni 5k potete mangiare a ristori alternati frutto con sorso di the e acqua, quello successivo limitarvi all’acqua…

  • BISCOTTI SI se avete paura che troppo liquido vi dia fastidio, anche un biscotto va bene!
  • FETTE BISCOTTATE NI non so quanti di voi si fermino per una fetta con la marmellata o simili. Comunque, per quanto nutrizionalmente sia ok (con marmellata sì, con cioccolato insomma…), credo sia un apporto importante, difficile da gestire riprendendo a correre. Potrebbe appesantire e affaticarvi.

  • TORTA NO se vi appesantisce la fetta spalmata, figuriamoci una fetta di torta. Teniamola per il termine se proprio vi piace!
  • UOVA NO perché? Come detto all’inizio, per la resistenza servono zuccheri di diverso tipo. Dare grassi e proteine semplicemente, durante il percorso, non ha senso. Magari teniamole per il ristoro finale.


RISTORO FINALE
  • ACQUA SI deve essere la vostra migliore amica!
  • THE NI di certo ora è necessario favorire la rigenerazione muscolare e reintegrare i magazzini di glicogeno. Per il primo step servono proteine, per il secondo carboidrati complessi. Il the zuccherato non è l’ideale ora. E’ però ottimo se è un evento invernale ed è caldo, ma basterebbe non zuccherato, solo per mantenere una temperatura adeguata.
  • SALI NI stesso discorso di poco fa: di che tipo sono? ci possiamo fidare? In ogni caso frutta e acqua, seguiti da un pasto idoneo con verdura, sono ottimali.
  • FRUTTA SI è vero che gli zuccheri semplici come il fruttosio non vi servono in questa fase, ma l’apporto di vitamine e sali minerali è fondamentale.
  • BISCOTTI NI nonostante abbiano anche una buona quantità di grassi, apportano carboidrati che si trasformano poi in glicogeno nel muscolo. Se saltate il pasta-party, possono andare.
  • FETTE BISCOTTATE SI In questo momento sì, vanno bene (sempre per il reintegro dei magazzini di glicogeno)!
  • TORTA NI non posso dirvi un sì pieno, perché sarebbe meglio qualcosa di più semplice e con meno grassi.


  • UOVA Si Rigenerare il muscolo adesso, per una ripresa più veloce è importante. Le uova danno un buon apporto in proteine e, in mancanza di pesce o carne (abbinati al pasta-party), vanno benissimo.
Come avrete notato, ci sono pochi NO. Questo perché non è quasi mai corretto essere estremisti, ma trovare a risposta nell’equilibrio.
Di certo alcuni di voi avranno notato che alcuni alimenti gli sono concessi e altri no, ma saranno differenti per tutti. Addirittura ci sarà chi non riesce ad assumere nulla né prima, né durante l’evento. Questo perché con l’atleta/sportivo, soprattutto di resistenza, non c’è una regola. Gli atteggiamenti vanno personalizzati ad personam e anche di volta in volta. Il corpo è una macchina particolare, meravigliosa, ma sempre diversa nelle risposte.


Ragazzi, spero vi sia interessato e abbia risposto nel migliore dei modi, alla prossima! E se avete dei dubbi, sapete dove trovarmi!


mercoledì 24 maggio 2017

GIGLIO TRAIL: PARADISE RUN & TRAIL PER MARINA TAGLIATI


Domenica 21 maggio si è svolta una delle gare di Trail più affascinanti della nostra penisola, il GIGLIO TRAIL, gara fra i sentieri della stupenda Isola del Giglio, un trail immerso in un ambeinte unico e incontaminato e un ottima opportunità per visitare una delle Isole più belle d'Italia.
Opportunità che non si è fatta scappare la nostra Marina Tagliati che ripete così l'esperienza della passata edizione e conclude il Trail corto di 10,6 km con 550 mt di dislivello positivo in 42^ posizione con il tempo di 1.46'31".
La vittoria nella versione lunga di 26,4 km con 1350 mt D+ è andata a Carlo Ratti in 2.27'48" fra gli uomini e Jessica Perna in 2.59'26" fra le donne, 108 gli arrivati.
Nel corto, 88 gli arrivati e vittoria maschile per Filippo Ugolini in 57'36" e Paola Grassini fra le donne in 1.23'06".
Ecco il racconto di Marina:
"Domenica 21 Maggio, nella splendida cornice dell'Isola del Giglio, ho preso parte alla 2^ edizione della Paradise Run and Trail, organizzata dalla Societa' 1063AD di Pisa.
Un gara emozionante, snodata su 2 percorsi - uno breve da 11 km e uno lungo da 26 km - in un vero paradiso per gli amanti della natura, dello sport,  delle storia e della buona cucina.
Per la seconda volta mi sono cimentata nell'impegnativo percorso breve e, nonostante il sole accecante e il forte vento che sferzava l'isola - ritardando l'arrivo di molti podisti bloccati sulla terraferma a causa delle difficili condizioni del mare - sono riuscita a conquistare la 14 ^ posizione assoluta femininile e la 42^ posizione assoluta in classifica finale, nonche' la 4^ posizione di categoria... Risultato per me piu' che soddisfacente non avendo trails all'attivo se non le partecipazioni qui al Giglio.
Grazie alla mia compagna di avventure, Isabella Chiodi della Polisportiva Quadrilatero di Ferrara, con la quale spero di condividere anche la terza edizione del Trail isolano, unitamente agli Amici della Corriferrara che vorranno cimentarsi in questi splendidi percorsi ..
Un abbraccio alla Societa' dall'isola del Giglio"

GIGLIO TRAIL CORTO 10,6 KM 550D+ (1^ 7'50")
42^ TAGLIATI MARINA  1.46'31"  10'03"  +2'13" 10+5+7

martedì 23 maggio 2017

VERONESI ISABELLA

VERONESI ISABELLA
1962
NELL'ATLETICA CORRIFERRARA DAL 2017

Trail del Mulinaccio 2017



Domenica 21 maggio a Scandicci si è svolto il trail del Mulinaccio. Ritrovo, per i 7 atleti di corriferrara, Daniele Scabbia, Marco Avanzi, Alessandro Fardella, Alejandro Romano, Rossella Brocchero, Francesco Solina ed io, come di consuetudine al bar Atlantic alle 6.30.
Siamo partiti immediatamente perché ci aspettava un lungo tragitto per raggiungere la meta, viaggio sempre molto piacevole quando la compagnia è ottima. Arrivati a San Vincenzo A. Torri, e trovato il campo sportivo, mi sono subito caricata per l'atmosfera che si respirava e per i paesaggi meravigliosi in cui eravamo immersi. Le gare competitive erano 2, la più corta che abbiamo affrontato io e Daniele di 15km e quello più lungo di 29km percorso dagli altri. Il trail lungo è partito alle 9, il nostro puntuale un quarto d'ora dopo. I primi 6 km sono praticamente stati tutti in salita, tra quelle corribili e quelle da camminare; dalla partenza ai boschi di Scandicci la distanza era davvero poco, quindi ci siamo trovati praticamente subito in mezzo ad una natura fantastica. Dopo le salite il primo ristoro ben fornito di acqua e frutta, poi da li tanta discesa, sono rimasta incantata da un sottobosco fresco, che mi ha fatto dimenticare la fatica dei primi km. Poi al tredicesimo km eccolo, il mulinaccio, davanti ad esso un corso d'acqua, tutto sembrava magico. Nonostante un fastidioso dolore ai piedi, sicuramente non abituati a fare tanta discesa, arrivare alla fine mi è dispiaciuto, perché avrei continuato ancora a correre e camminare in quel paradiso. Al traguardo ad aspettarmi, oltre che a un sorridente Dani, ho trovato il calore della gente e una birra fresca.
Dopo una doccia, ci siamo posizionati verso la fine del percorso, naturalmente vicino al ristoro per poter reintegrare un po di calorie, per aspettare gli amici e poter mangiare insieme al pasta party. Per la gara lunga il vincitore maschile è stato Di Vico Cristiano, femminile Migliari Michela, per quanto riguarda il corto, i vincitori sono Lablaida Abdelolamed e Mancini Lucia. La giornata è stata meravigliosa, e al mio secondo trail posso tranquillamente dire che adoro questo tipo di gare!! Sono rimasta piacevolmente colpita dagli atleti che ho incontrato durante la mia gara. Non esisteva competizione ma solo puro spirito sportivo e ho trovato solo tante persone con la voglia di condividere una bella esperienza!!




TRAIL LUNGO
FARDELLA ALESSANDRO 29+10+12
ROMANO ALEJANDRO 29+10+11
AVANZI MARCO 29+10+8
SOLINA FRANCESCO 29+10+8
BROCCHIERI ROSSELLA 29+10+13

TRAIL CORTO
SCABBIA DANIELE 15+5+7
FEDERICA VIRGILLI 15+5+4

lunedì 22 maggio 2017

STRARIMINI: GRANDE PB PER BRAGHINI, IL RITORNO DI GIADA ZAMBONI E POI C'E' OLIANI...


Un tris Corriferrara domenica ha preso parte alla Strarimini, la mezza maratona della cittadina romagnola.
745 gli arrivati e vittoria finale per Rachid Benhamdane dell'ASD Dinamo Sport con il tempo di 1.13'14" mentre fra le donne successo per Bruna Santelia del Caivano Runners in 1.26'41".
Fra i nostri segnaliamo il bellissimo personal best sulla mezza per Andrea Braghini che continua a migliorarsi e va vicinissimo ad abbattere il muro dell'1.30' chiudendo al 129° posto in 1.30'13".
Un altra gran bella notizia è il ritorno alle gare dopo davvero tanto tempo per la nostra Giada Zamboni che chiude la sua gara al 59° posto fra le donne con il tempo di 1.52'50".
E poi c'è Federico Oliani che appesantito dal carico di lavoro negli allenamenti settimanali chiude in 1.43'02" al 360° posto, ma siamo sicuri che i frutti del lavoro in allenamento si vedranno in tempi brevissimi!
STRARIMINI 21,097 KM
129° BRAGHINI ANDREA 1.30'13" 4'17"  21+21
360° OLIANI FEDERICO  1.43'02"  4'54"  21+14
59^ ZAMBONI GIADA  1.52'50"  5'22"     21+14


La mezza del Naviglio: prima incursione tra i runners milanesi per Biancolli-Montanari



Domenica 21 maggio 2017 io e Rosa abbiamo partecipato alla Mezza di Cernusco sul Naviglio a due passi da Milano. La manifestazione aveva quale punto di partenza ed arrivo l'ampio centro sportivo della cittadina e l'arrivo era previsto proprio all'interno della nuova pista di atletica. Meteo ottimale e atmosfera accogliente! Partiti puntuali allo sparo dello starter assieme ad altri 700 atleti circa, la gara, dopo qualche km per le vie del paese si è svolta quasi integralmente sulle due sponde del Naviglio che da Milano passa per di lì. Il percorso, un po' noioso perchè sempre in rettilineo, restava comunque piacevole per il tanto verde circostante. I pochi chilometri di allenamento nelle gambe causa impegni di lavoro ci hanno aiutato solo fino a trequarti della gara; a passo meno sostenuto, quindi, abbiamo raggiunto il traguardo sotto 1 h, 50'. Per la cronaca la gara è stata vinta: per gli uomini da Henry KImani Mukuria con il crono di 1h04'47 e per le donne  dalla giovane, classe 1996, Winfridah Moraa Moseti in 1h13'29".

Matteo Montanari




BIANCOLLI ROSA 21+16
MONTANARI MATTEO 21+9

BALDINISSIMA: A PARMA CON LUCA SACCARDI


Quasi 400 arrivati a Parma per l'ormai tradizionale Baldinissima, gara di 14,2 km organizzata domenica 21 maggio dal fratello del campione olimpico di Atene 2004.
Vittoria per Gianmarco Buttazzo dell'Atletica Casone Noceto in 47'59" mentre vra le donne successo per Valeria Poltronieri del Circolo Minerva in 59'32".
Per l'Atletica Corriferrara al via il nostro atleta parmense Luca Saccardi che chiude la sua gara in 232^ posizione con il tempo di 1.08'24"
Bravo Luca!!

BALDINISSIMA 14,2 KM
232° SACCARDI LUCA  1.08'24"  4'48"  14+11

AGNO TRAIL: NELLA RANCH C'E' DAVIDE TALMELLI


Domenica 21 maggio a Valdagno, provincia di Vicenza è andato in scena l'AGNO TRAIL in due diverse distanze.
 La lunga da 33 km con 1700 mt di D+ denominata Scandolara con tracciato integralmente su single track, mulattiere e carrarecce che dal centro di Valdagno compie un anello fra i colli attorno la vallate dell'Agno e che ha visto 133 arrivati e la vittoria di Nadir Lissa Dal Prà in 3.08'26" fra gli uomini e Kristel Mottin in 3.38'28" fra le donne.
E poi la corta, 18 km e 850 mt D+ con il nome di Ranch che segue il percorso dell’Integrale fino a Contrada Rossati (circa 9 km), taglia il percorso integrale per reimmettersi brevemente in esso in località Mucchione e poi continuare in solitaria fino al rientro a Valdagno. In questa gara 115 arrivati e vittoria maschile per Simone Cortiana in 1.22'49" mentre far le donne successo per Tiziana Scorzato in 1.44'29". 
Nellaa Ranch troviamo anche una presenza Corriferrara, si tratta di Davide Talmelli che chiude con un ottimo 41° posto in 1.57'03".
Ecco le sue parole nel post gara:
Stamattina  con la family sono andato a Valdagno dove si svolgeva la prima edizione di Agno Trail, due percorsi il lungo di 33km con 1700D+ e quello corto da 18 con D+ 850.. Io corro il più corto e con molta soddisfazione/sudore/fadiga .... Porto a casa un 41esimo assoluto!

AGNO TRAIL RANCH 18 KM 850 D+ (1° 4'36")
41° TALMELLI DAVIDE  1.57'03"  6'30"  +1'54"   18+8+10




Potrebbe interessarti: http://www.vicenzatoday.it/eventi/agno-trail-a-valdagno-due-percorsi-ultra-short-tra-sentieri-e-mulattiere.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/VicenzaToday/212021655498004


Potrebbe interessarti: http://www.vicenzatoday.it/eventi/agno-trail-a-valdagno-due-percorsi-ultra-short-tra-sentieri-e-mulattiere.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/VicenzaToday/212021655498004

QUADRIFOGLIO TRAIL: 60 KM PER VOTTARI 24 PER CORA' E GIANANTONI


Sabato 20 maggio a Borgo Val di Taro nell'appennino parmense si è tenuto il Quadrifoglio Trail, su varie distanze con percorsi che vanno a formare i 4 petali del quadrifoglio dal quale la gara prende il nome.
Io e Giana visto il battesimo di Ale (il figlio di Giana) che ci attendeva il giorno seguente avevamo puntato questa gara non proprio comodissima ma della quale si parlava un gran bene...
Partiamo così poco prima delle 12,00 e arriviamo a Borgo val di Taro un oretta prima della partenza fissata alle 15,00.
Il tempo di ritirare il pettorale e cambiarci ed è già ora di avvicinarci alla zona partenza.
Il cielo è nero con tuoni e fulmini sulle montagne, non certo un buon presagio, sommato al fatto di accorgermi di aver lasciato a casa pantaloncini e camel bug e alla pioggia cominciata a cadere copiosamente 10 minuti prima della partenza mi fanno per un attimo pensare che forse è davvero meglio aspettare Giana davanti a una bella birra in zona Pasta party...
Ma dopo essermi svenato per un paio di pantloncini nuovi mi faccio coraggio e si parte!
Dopo poco fortunatamente la pioggia cala e ci tuffiamo nel bellissimo percorso per lunghi tratti coincidente con l'Abbots Way corso da  Romano qualche settimana fa.
C'è tanto fango che rende il percorso scivoloso sia in salita che in discesa, partiamo piano non essendo nessuno dei 2 in perfetta forma, io sto davanti e Giana subito dietro ma dopo 6-7 km mi giro e non lo vedo più, rallento un attimo per vedere se arriva ma non vedendolo decido di fare la mia gara anche per non raffreddarmi troppo.
Le gambe incredibilmente rispondo benissimo e le salite passano velocemente, praticamente tutto il dislivello positivo (1100-1200 mt non i 1450 dichiarati) è compreso nei primi 10-11 km poi inizia un lungo tratto mangia e bevi prima della lunga discesa finale nella quale mi diverto un mucchio anche se non tiro come al solito per non rischiare cadute visto anche il fango...
Chiudo la gara in 2.45'04" al 48° posto e mi siedo al sole (che nel frattempo è sbucato dalle nuvole) ad aspettare Giana... Mentre aspetto mi vedo sbucare una maglia Corriferrara! E' Giuseppe Vottari che ha partecipato alla 60 km chiudendo 59° in 9.50'40", lo saluto e gli faccio i complimenti e pochi minuti dopo arriva il mio amico Gianantoni 69° in 3.00'51".
Sono davvero contento e meravigliato di come è andata questa gara considerando che era il mio ritorno ai trail dopo la lunga influenza.
Il tempo di una doccia, una birra al volo, compresa nell'abbondantissimo pacco gara, e si ritorna a Ferrara, il battesimo di Ale ci aspetta!!
Massimo Corà
Ecco tutti i vincitori:
10 KM 36 arrivati
ZANENGA ANDREA 1.00'04"
RINALDI MARTA 1.19'03"
24 KM  149 arrivati
ROMORINO CORRADO 1.56'59"
VECCHI CARLOTTA 2.30'57"
60 KM 82 arrivati
CANETTA FILIPPO 5.57'33"
VINCO GIULIA 7.04'09"
100 KM 86 arrivati
PIANA GIULIO 10.35'16"
PE' GRAZIANA 12.03'48"

Ecco le parole di Giuseppe Vottari dopo l'arrivo:

Ciao Massi,
complimenti a te e a Giana per il risultato di sabato sul vostro petalo!
Io ho completato i primi due (60km con D+2750m) in 9h 50'40'', 59° su 82 arrivati.
Non un gran tempo finale ma gran bella esperienza, percorso vario e duro con alternanza di nubi e sole nel primo petalo e temporali e vento nel secondo.
Alla prossima
un saluto
Giuseppe

QUADRIFOGLIO TRAIL 24 KM 1200D+ (1° 4'52")
48° CORA' MASSIMO  2.45'04"  6'52"  +2'00"  24+12+10
69° GIANANTONI MARCO 3.00'51"  7'32"  +2'40"  24+12+6
QUADRIFOGLIO TRAIL 60 KM 2750D+ (1° 5'57")59° VOTTARI GIUSEPPE  9.50'40"  9'50"  +3'53"  60+27+7